Dal Corso di Cucina con Essiccatore: la Granola

imgres

E questa è solo una prima, piccolissima parte, delle foto che la nostra agenzia di comunicazione ha realizzato per noi, la sera dell’evento.

Sì, finalmente ci siamo. Cominciamo con oggi ad inserire anche nel blog le splendide ricette realizzate nel corso delle due serate che abbiamo dedicato alla cucina con essiccatore.

Procediamo con ordine: per prima Sara Cargnello, meglio conosciuta come Miss Vanilla, ospite e docente per noi dell’Università del Gusto di Creazzo mercoledì 8 maggio.
La classe stracolma (oltre al tutto esaurito abbiamo dovuto lasciare a casa qualcuno… che sia il caso di iniziare già a pensare alla prossima data?!) ha regalato divertimento, passione, entusiasmo e tantissime ricette, tutte raccolte nel mini ricettario che ogni partecipante ha ricevuto tra i materiali del corso.

La dinamica della lezione è stata decisamente particolare: Sara ha scelto di far lavorare gli allievi a gruppi ristretti per permettere a ciascuno la realizzazione di più ricette diverse. Ne è nato un clima conviviale e allegro, una grande partecipazione e moltissimo movimento tra i diversi gruppi, che sono andati volentieri a curiosare tra gli ingredienti dei vicini.

Partiamo quindi con la primissima ricetta della serata, che tra l’altro è famosissima e fondamentale nel menu di un buon crudista, ma qui ancora mancava all’appello, e buon appetito!

GRANOLA

Ingredienti:

  • 150 gr di grano saraceno
  • 60 gr di cocco
  • 60 gr di sesamo
  • 30 gr di semi di girasole
  • 50 gr di mandorle
  • 150 gr di frutta essiccata (uvetta, mela, pera, banana…)
  • vaniglia, cannella, sale marino un pizzico
  • 100 ml di agave o pasta di datteri

Procedimento:

Mettere in ammollo per una notte il grano saraceno.
Tritare le mandorle grossolanamente, dopodiché mescolare tra loro tutti gli ingredienti. Versare l’impasto a cucchiaiate sulla griglia dell’essiccatore ed essiccare per almeno 12 ore.

6 Comments

  1. Io sto cercando di mettere a punto uno snack da portarsi a correre o alle gare (o – perché no? – ai concerti), una sorta di barretta di frutta secca e cereali, di cui conto di fare la prova su strada il prossimo fine settimana, e mi immaginavo una cosa del genere.
    Alla fine la granola come si presenta?
    E come si consuma?

  2. Ciao a tutti, vorrei dirvi che sono fortemente interessato ad iscrivermi ad un eventuale prossimo corso con Sara.
    Sono disposto a venirvi a trovare da Torino dato che da queste parti non si organizzano corsi con l’essiccatore.
    Mi spiace non aver fatto in tempo ad iscrivermi per l’8 maggio…
    Un saluto!

    1. Che bello Antonio, grazie! Se si iscrive alla newsletter o al blog, riceverà le mail direttamente alla sua casella di posta e potrà tenersi aggiornato in tempo reale sulle novità in cantiere. Così non arriva più in ritardo! 😀

      Ci saranno certamente altre occasioni con Sara, notizie al più presto.

    1. Buongiorno Tina,
      se capiamo correttamente la sua domanda, lei ci sta chiedendo se il grano saraceno è stato cotto prima dell’uso, giusto? La risposta è no, in questo caso viene usato crudo previo ammollo di 12 ore, in quanto è stato proposto in una ricetta crudista. Cordialii saluti e buona essiccazione!

Leave a Response