La perfetta essiccazione del fagiolo (magico)

20151103_095153

20151103_095146

L’ultima volta che ci siamo visti eravamo alle prese con le castagne… Dimenticate ora le millemila opzioni e variabili che vi abbiamo elencato per essiccarle al meglio: quello di oggi è un procedimento semplice semplice, che dà grandi soddisfazioni con il minimo sforzo.

Ah, segnatevelo: potete applicarlo praticamente a tutti i legumi che per caso vi troviate ad avere freschi tra le mani!

Stavolta abbiamo essiccato i fagioli! E pure le loro bucce, che del fagiolo non si butta via nulla!

Passo primo: procuriamoci la materia prima!

Avete acquistato al mercato dei bellissimi baccelli come quelli in queste immagini? O magari vi crescono felici nell’orto dietro casa? O ancora il nonno, che ha il pallino dell’agricoltura e una produzione buona per sfamare la popolazione di un piccolo villaggio rurale mentre voi in famiglia siete in 4, vi ha sommersi di bellissimi e sanissimi legumi che adesso non sapete più dove far sparire? A meno di non voler tentare l’opzione fagiolo magico, nella speranza di trovare una gallina dalle uova d’oro nascosta in un castello tra le nuvole, abbiamo un ottimo suggerimento per voi.

Detto fatto: si essicca tutto!

20151103_095153

Passo secondo: prepariamo i fagioli!

Non è difficile e sa tanto di ritorno alle origini, alla campagna, ai prodotti veri che profumano di terra buona. Sedetevi al tavolo della cucina, magari facendovi aiutare dai piccoli di casa, e sgranate gente, sgranate! Attenzione però: non buttate le bucce, ci torneranno utili più avanti.

Passo terzo: a tutta essiccazione!

Posizionate i fagioli sgranati in un cestello di Biosec e i baccelli su un altro ripiano.

20151103_095316

 

20151103_095226

Azionate a questo punto il programma T4 che lavorerà intorno ai 50°.

Non temete, se siete crudisti potete utilizzare il classico P3: ci vorrà più tempo, ma il fagiolo dovrebbe riuscire a germogliare anche dopo l’essiccazione.

20151103_095310

I vostri fagioli, nella miglior tradizione dell’essiccazione, saranno pronti in una nottata: 12 ore sono di solito sufficienti ad ottenere un prodotto perfettamente essiccato, in alcuni casi (dimensioni maggiori o temperature di esercizio più basse) consigliamo di pazientare fino alle 16 ore. Dopodiché, tutto in barattolo e fagioli per tutti per tutto l’anno!

20151104_093533

Ecco come appare il vostro gagliardo fagioletto quando è ben essiccato. Se le prime volte vi rimanesse qualche dubbio, apritene uno a metà e verificate che si presenti in questo modo.
20151104_093606 20151104_093610

Passo quarto: e le bucce?

Et voilà, ecco come appariranno ad essiccazione terminata.

20151104_093711

Per un uso versatile e semplicissimo dei baccelli, polverizziamoli utilizzando un mixer o un macinacaffè. Otterremo una sorta di spezia, non esattamente una farina, perfetta per aromatizzare ogni piatto di qui al prossimo inverno 😉

20151123_165635

Leave a Response