Balsamo tigre “OmMade”, di arnica o iperico essiccati

Balsamo tigre con arnica essiccata

Oltre a prodotti cosmetici naturali, con Elena impariamo anche a preparare prodotti utili per alleviare dolori e contratture e alle volte anche il mal di testa. Forse qualcuno di voi ha già raccolto arnica e iperico o sa dove andarli a trovare: molto bene! Il resto ve lo spieghiamo noi, anzi la nostra speciale istruttrice yoga, che con ingredienti naturali di facile reperibilità sa creare prodotti salutari per il corpo e non inquinanti per l’ambiente.

__

Eccoci qui per una nuova ricetta di OmMade: questo mese vi racconto come produrre in casa una pomata antidolorifica e analgesica per dolori articolari, mal di testa, contratture muscolari ed infiammazioni.

L’arnica montana appartiene alla famiglia delle Asteraceae ed è a tutti gli effetti un antinfiammatorio naturale, da utilizzare solo a livello topico. L’arnica non può essere usata per uso interno poiché risulta tossica. Grazie alla sua componente di fenoli, flavonoidi e di arnicina è in grado di disinfiammare, lenire e alleviare contusioni, distorsioni, contratture muscolari e anche disturbi di natura artritica, per la sua capacità di stimolazione dei liquidi sinoviali. Questa pianta cresce spontaneamente in montagna ma può essere anche coltivata in vasi o direttamente a dimora nei giardini. Ricordate che l’arnica predilige luoghi luminosi e soleggiati ma teme l’eccessivo calore estivo, per questo si consiglia di piantarla in luoghi semi-ombrosi o al riparo di alberi ad alto fusto. I fiori gialli, simili a grandi margherite, sono ricchi di oli essenziali e vengono macerati per estrarne le proprietà (vedi l’articolo su come fare l’oleolita).

In alternativa potete prepare l’oleolita a partire dai fiori essiccati di iperico, comunemente conosciuta come erba di San Giovanni o scacciadiavoli. L’iperico appartiene alla famiglia delle Clusiaceae, è una pianta perenne facile da coltivare che predilige un terreno profondo, fresco e permeabile, come l’arnica ha fiori gialli e preferisce posizioni semi ombreggiate.

La ricetta in questione si ispira al famosissimo balsamo di Tigre, un unguento molto venduto nel continente asiatico. Il nome prende spunto dalla filosofia taoista, dove la tigre simboleggia la forza, il vigore e la vitalità, tutto quello che questo balsamo promette di restituire al corpo dolorante, dopo la sua applicazione. Ahimè oggi giorno questo prodotto, se acquistato, contiene circa il 40% di derivati del petrolio, quali paraffina e petrolato (indicati nella confezione come Paraffin e Petrolatum).

Una valida ragione per produrlo insieme a me, 100% vegetale  e OmMade!

Ingredienti:
  • 40 gr di oleolita di arnica/iperico
  • 10 gr di polvere di canfora
  • 10 gr di cera d’api sbiancata
  • 10 gr di cristalli di mentolo
  • 20 gocce di olio di cajeput (opzionale)
  • 10 gocce di olio di chiodi di garofano (opzionale)
  • 10 gocce di olio di menta
  • 5 gocce di olio di cannella

Potete acquistare gli ingredienti online tramite zenstore.it, come vi ho già indicato nei precedenti articoli 😉

Materiali:

Bilancia di precisone, colino e contenitori per le misurazioni
Pentole in acciaio inox/Becker
Frusta da cucina manuale, termometro e vasetti

Procedimento:

Versare la cera d’api nell’oleolita e riscaldare a bagnomaria fino allo scioglimento della cera. Aggiungere, mentre l’olio è ancora tiepido, il mentolo, la canfora e tutti gli oli essenziali citati sopra.

Balsamo tigre con arnica essiccata
Amalgamare con l’uso di una frusta manuale ogni volta che un ingrediente viene addizionato. Versare la pomata nei contenitori e infine riporre nel frigo, per circa tre quarti d’ora, per lasciarlo al suo processo di raffreddamento.

Buon lavoro… in Agosto sarò in vacanza yoga ma tornerò a Settembre. Vi anticipo di approfittarne e raccogliere tanta lavanda che servirà per la prossima ricetta OmMade!

Add Your Comment