Riso thai con avocado essiccato al Rum by Gregoretti

riso thai con avocado essiccato

riso thai con avocado essiccato

Ricetta dopo ricetta Stefano Gregoretti ci sta svelando molti segreti per un allenamento perfetto, soprattutto in preparazione di prove importanti, commisurate ognuno alle proprie forze (Greg è unico, non vi stiamo “istigando” all’ultra sforzo, ovvio!). Meno carboidrati e più grassi? C’è qualcosa da limitare o da prendere in considerazione? E l’essiccazione come può aiutarci nel preparare qualche sano piatto da consumare prima degli allenamenti? Continuate a leggere e lo scoprirete!

__

In Canada durante gli allenamenti di rifinitura prima di una spedizione imminente, cerchiamo di usare solo carboidrati gluten free per non trattenere troppa acqua; limitiamo al massimo l’uso di lieviti (quindi niente pane) e aumentiamo i grassi naturali il più possibile per fare “scorta”. Ovviamente evitiamo anche gli alcolici. Anche se in questo piatto è presente del Rum, tenete conto che “sfiammandolo” perde i gradi… Questa volta abbiamo usato l’avocado che è essenziale nella dieta di ogni atleta; ricchissimo di grassi buoni e sazia veramente tanto. Un frutto completo!
Cosa fondamentale, questo piatto può anche essere essiccato e portato in mezzo ai ghiacci! Fidatevi è stra buono.
Curiosi di provare? Ecco la ricetta.

Ingredienti

• 200 g di riso thai
• 2 scalogni
• 1 avocado maturo
• salsa di soia
• un cucchiaio di RUM
• olio d’oliva

Procedimento

Mettere un misurino di riso e 3 di acqua in una pentola e cuocere il riso. Nel frattempo in una padella far saltare scalogno con un filo di olio, salsa di soia e sul finale aggiungere RUM e farlo flambè. Servire il riso condito con la salsa e stendere poi sopra l’avocado maturo a pezzi. Aggiungere olio extra vergine d’oliva in quantità.

Disidratare il riso già condito su un vassoio e l’avocado a parte, con programma P1. Poi si può mettere tutto nello stesso sacchetto sotto vuoto e caricare nello zaino. Aggiungere acqua calda e buon appetito!

stefano gregoretti

Leave a Response