Caricaaa! Come sfruttare al meglio il nostro Biosec!

arance essiccate

arance essiccate

E rieccoci puntuali al nostro appuntamento con i trucchetti pratici per l’essiccazione perfetta (l’esempio sono queste splendide arance essiccate). Oggi vediamo insieme come funziona concretamente la fase di carico di Biosec e rispondiamo alle domande più frequenti su questo argomento.

L’abbiamo scelto, acquistato, lavato e posizionato: diamo dunque il via ai lavori!

Che vi troviate con 5, 6, 10 o 12 cestelli di fronte a voi, i passi da seguire sono sempre gli stessi. Facili, chiari e veloci.

Come si dispongono i prodotti?

I prodotti vanno caricati a fette oppure a metà o in quarti se abbastanza piccoli, senza che si sovrappongano mai tra loroPiù è omogeneo lo spessore dei prodotti, più si essiccheranno in modo e tempi uniformi. Inoltre i cestelli andrebbero riempiti il più possibile per evitare spreco di corrente elettrica.

Hai tanti alimenti diversi: posso caricarli tutti insieme?

Certo! Possiamo caricare mele con pere, zucchine con banane, peperoni con camomilla e perfino fragole con cipolla! Basterà seguire la regola dell’uno per riga: stesso alimento su stesso ripiano, così si evitano le commistioni di aromi. Per esempio, sul ripiano più basso mettiamo solo cipolla, sul secondo tutte le fragole, sul terzo le banane e così via.

Ma se carico alimenti diversi, non si essiccano in tempi diversi?

Certamente! Quando carichiamo prodotti diversi tra loro, quelli con meno acqua o più sottili si essiccheranno prima. Ma nessun problema! Ritiriamoli anche in momento diversi, man mano che o sono pronti, e liberiamo così cestelli da riempire con nuove delizie! Non siamo in casa quando i primi alimenti terminano il processo? Anche in questo caso non c’è nulla da temere: in un essiccatore, come ormai sappiamo bene, nulla si può bruciare. Ritireremo tutto quando avremo il tempo per farlo.

Voglio seccare solo una mela. Come faccio?

Quando abbiamo poco alimento da essiccare, così poco da non riempire l’intero Biosec, non preoccupiamoci: disponiamo le nostre fette in un cestello e azioniamo l’essiccatore. Un solo accorgimento: inseriamo sempre tutti i cestelli, anche se vuoti! Il motore ne rileva la presenza ed è programmato per determinare temperature e ventilazioni in base a quello. Se non ci sono, potrebbe fare confusione.

arance essiccate

Leave a Response