Sfoglia al Pomodoro

20131120_162046

20131120_162046

C’è una ricetta che ancora latita, in questo blog.

Una ricetta che ha riscosso enorme successo, generato sguardi di stupore ed ammirazione, originato mugugni soddisfatti a bocca piena. Una ricetta che ha assaggiato perfino il grande Gualtiero Marchesi (no, non ha detto nulla, non siamo nemmeno certi che si sia reso conto di averlo fatto, nella calca dell’evento in cui l’abbiamo incontrato, ma ci piace dirlo e in fondo è vero!).

Ecco a voi, signore e signori, la celeberrima (per gli ospiti dei nostri appuntamenti) sfoglia di pomodoro! Nata dalla mente geniale della nostra Miss Vanilla e per questo in origine assolutamente crudista, la ricetta è la quintessenza della versatilità e del gusto, oltre ad essere davvero semplice da realizzare.

Quindi, in soldoni, cosa sarebbe e come si usa?

Immaginate di avere un foglio sottilissimo e croccante al gusto di pomodoro. Potete spezzarlo in piccoli cracker gustosi ed utilizzarlo come aperitivo, guarnire e decorare piatti e ricette salate, lasciarlo più morbido per arrotolarlo in piccoli coni da riempire con gli ingredienti che preferite. La fantasia, come al solito, dovete metterla voi. Noi vi forniamo la materia prima.

Ingredienti:

  • pomodori freschi
  • pomodori essiccati
  • datteri (o papaya)
  • sale
  • aromi secchi a piacere (origano, peperoncino, basilico ecc)

Procedimento:

Essiccate preventivamente (e possibilmente in stagione) gli ingredienti necessari: pomodoro, spezie a piacere e se vi piace un po’ di peperoncino.

Frullate insieme tutti gli ingredienti, avendo cura di sbriciolare grossolanamente i pomodori secchi prima di inserirli nel mixer.

Otterrete una purea dalla consistenza più o meno acquosa a seconda del tipo di pomodoro fresco utilizzato e della quantità di datteri (o papaya) che vi aggiungerete. In generale si consiglia un etto di datteri per ogni chilo di pomodoro fresco circa. Questo ingrediente segreto, il cui gusto nella sfoglia finale non si percepirà, serve a smorzare e correggere l’acidità del pomodoro, altrimenti troppo marcata.

I pomodori secchi, invece, rinforzano il gusto della sfoglia, rendendolo più deciso e carico. Di questo ingrediente potete determinare la dose assolutamente a piacere.

Stendete ora la purea su un foglio di carta antiaderente (quella da forno andrà benissimo) e disponete nell’essiccatore, scegliendo una temperatura che può variare dai 40 gradi, per chi scelga un’alimentazione crudista, ai 55 circa, per chi volesse velocizzare un po’ il processo. Quando la purea sarà asciutta, apparirà come una sfoglia sottile e croccante.

Decidete voi il grado di asciugatura per l’uso che desiderate fare del prodotto, assaggiate e… stupitevi!

20131120_161848

Sì la foto è pessima, sapete che lo staff non ha la vena artistica delle nostre amiche food blogger, ma almeno siete certi che l’abbiamo davvero fatta noi! 😉

p.s. Per la realizzazione di questa deliziosa e impeccabile sfoglia (che resta tale anche se dalle immagini non si evince per niente) è stato utilizzato uno strumento segreto, che presto potrete sfruttare anche voi. Idee al riguardo?