Torta Salata con Formaggi e Porcini Essiccati

9311

tartelletta funghi e formaggio

Bè, che dire. Si sente il profumo da qui!

Non vorremmo sembrare ripetitivi e pure un po’ tediosi, ma in questi giorni ci viene spontaneo ricordare che siamo esattamente in quel momento dell’anno in cui l’essiccatore serve a poco (qualcuno qui in ufficio lo tiene sotto la scrivania, si sa che nelle aziende i pavimenti non sempre sono ben isolati e i piedi tendono a ghiacciarsi in fretta), ma se ne avete fatto un buon uso nella stagione calda, c’è il caso che riesca a cambiarvi la vita. O perlomeno l’umore.

Perché è proprio ora che aprire barattoli di fragole rosse rosse, di arance profumatissime, di peperoni multicolor e funghetti pronti all’uso può risollevare una cena, riattizzare la fantasia in cucina, regalare un piatto dai sapori lontani mesi e mesi e riportare alla mente la perpetua ma sempre stupefacente consapevolezza che sì, anche quest’anno l’inverno è destinato a finire e il sole a tornare, per regalarci di nuovo i suoi frutti, i suoi profumi e la sua allegria.

Quindi speriamo davvero che le vostre dispense siano piene di meraviglie colorate ed essiccate, noi non smettiamo di darvi consigli per utilizzarle al meglio.

Oggi poi c’è un ospite eccezionale: il mensile Passione Funghi & Tartufi, con cui da tempo abbiamo il piacere di collaborare, ha inaugurato col nuovo anno una rubrica dedicata alle ricette realizzate a partire dai funghi essiccati.

E’ sempre un onore e un piacere vedere l’apprezzamento e la fiducia di chi se ne intende davvero e utilizza i nostri prodotti, le ricette e i suggerimenti per creare sempre qualcosa di nuovo!

No, piantatela di cercare gli occhiali da presbite o la lente d’ingrandimento nel cassetto (gli occhiali, comunque, ce li avete in testa…), basta cliccare sull’immagine e si ingrandisce, ma in ogni caso e a scanso di equivoci, vi abbiamo copiato tutto in bell’ordine, appena sotto. Che coi funghi non si scherza, sia mai che poi sbagliate varietà e vi intossicate tutti quanti!

anteprima tartellette funghiIngredienti:

Per il ripieno

  • 50 gr. di funghi essiccati (Boletus sp.)
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cipolla
  • prezzemolo
  • 200 gr di formaggio molle fresco
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano
  • olio extravergine d’oliva
  • 10 gr. di burro
  • 4-6 uova
  • 300 gr di farina bianca
  • pepe, origano e sale

Per la pasta

  • 300 gr di farina
  • 20 gr. di sale
  • acqua

Procedimento:

Tagliamo finemente la carota, il sedano e la cipolla e mettiamoli a rosolare in una padella con dell’olio extravergine di oliva.

Facciamo rinvenire i funghi essiccati durante la stagione fungina in poca acqua calda, indi aggiungiamoli al soffritto. Una volta asciugati i funghi lasciamo raffreddare e aggiungiamo origano, uova, parmigiano, sale e pepe.

Prepariamo intanto due strati di sfoglia impastando la farina con l’olio, l’acqua e il sale. Stendiamo uno strato in una teglia da forno ben oliata.

Mettiamo in teglia il composto di verdure e funghi, aggiungiamo un uovo e il formaggio molle (vanno bene stracchino, crescenza, quartirolo…).

Condiamo con il sale e qualche fiocchetto di burro. Infine, copriamo con uno strato di sfoglia e cuociamo per 40 minuti circa in forno a 180 °C fino a quando la superficie della sfoglia diventa ben dorata.

Lasciamo raffreddare qualche minuto e serviamo.

4 Comments

  1. Ha un’aria invitantissima ed è sicuramente un piatto delicato e fine; vi invito a valutare l’idea di dargli un tocco ruspante con l’aggiunta di un po’ di salsiccia (magari già sgrassata e ben cotta con un passaggio in padella).

    1. Quante cene ci stanno in un week end? La nostra cara Larry ne sa una più del dimonio, ma attendiamo le SUE sperimentazioni con essiccatore. Noi intanto stasera proviamo la variante ruspante.

    1. La pasta non prevede l’olio tra gli ingredienti ma l’olio compare nella preparazione… ci sa che gli amici di F&T si sono distratti! 😀 Immaginiamo sia q.b., come per qualunque pasta sfoglia 😉 se invece intende il ripieno, serve solo a rosolare, come può leggere dal procedimento, quindi dipende dalla dimensione della sua padella!

Leave a Response