Pancarrè ai pomodori essiccati e olive taggiasche

pan-carrc3a8-0281

pan-carrè-006 Bentornati a tutti e benvenuti ai nuovi arrivati, ogni giorni si unisce a noi un volto nuovo e siamo davvero felici di festeggiare insieme i 500 like della pagina facebook, raggiunti proprio oggi, e il superamento dei 50.000 click durante le feste natalizie!

La scorsa settimana abbiamo riaperto le danze con un po’ di ritardo e una grande novità: l’intervista a Mamma Papera.

Stavolta ci prendiamo un po’ più per tempo, via, è solo martedì, la settimana è ancora lunga e ci sarà modo di regalarvi qualche chicca, strada facendo. Iniziamo con una ricetta proprio di Alessandra, che la citava in una delle sue risposte.

Ci siamo accorti che questo splendido, soffice, profumatissimo pancarrè mancava all’appello. Come sia stato possibile resta un mistero, ma nel punto più buio dell’inverno, quando le feste con le loro lucine, i doni e l’allegria sono ormai alle spalle e di fronte restano ancora tre mesi di freddo, umidità e orti muti, proprio ora, non vi pare sia il momento perfetto per aprire quel barattolo di pomodorini e olive che avete essiccato l’estate scorsa, tirare una sonora sniffata di quelle che fanno anche rumore e danno una soddisfazione impagabile, mettere mano a forno e mattarello per tirarsi su il morale, scaldare la cucina e profumare la tavola, tutto in un colpo solo?!

La versione di Mamma Papera utilizza le olive taggiasche, ma in realtà sospettiamo la faccenda riesca strepitosa qualunque cosa ci cacciate dentro.

pancarrè-con-poodori-secchi-e-osmarino-016

Ingredienti:

  • 500 gr di farina di tipo “0”
  • 60 gr di burro
  • ½ cubetto di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 250 ml di latte
  • 10 gr di sale
  • 1 rametto di rosmarino
  • pomodori secchi a piacere
  • 1 vasetto di olive taggiasche

Preparazione:

Intiepidite parte del latte in un pentolino, senza che si scaldi troppo. Scioglietevi il lievito perfettamente.

Mettete la farina setacciata sulla spianatoia, fate un buco al centro e mettetevi zucchero, sale e miscela di latte e lievito. Iniziate a impastare, incorporando la farina poco per volta e aggiungendovi il latte a mano a mano che questo dovesse servire.

Appena avete finito di inserire il latte, lavorate l’impasto finché diventi una palla liscia, elastica e lucida, che non si attacca più né alle mani né sul tavolo; incorporate quindi i 60 gr di burro morbido e tagliato a cubetti poco per volta, e lavorate molto bene l’impasto fino a che questo diventi ben elastico ed incordato. Aggiungete gli aghi di un rametto di rosmarino e fate distribuire bene nell’impasto.

Formate una palla, mettete in una ciotola unta di olio e ungete anche la superficie del panetto. Fate lievitare fino al raddoppio.

Nel frattempo, sminuzzate il pomodoro secco e tritate le olive taggiasche fino a renderle quasi un paté, tenendole separate in due ciotoline.

Quando l’impasto sarà lievitato, dividetelo in due parti e appiattitele con le mani dando loro una forma a rettangolo; su di uno spargete i pomodori secchi e sull’altro spalmate le olive taggiasche tritate. Arrotolate insieme i due rettangoli su se stessi.

Dopo aver formato il rotolo, fate una piega a tre, portando uno dei lembi a metà e ripiegando l’altro lembo sopra, mettete l’impasto (con la piegatura sotto) dentro uno stampo da plum-cake o da pancarrè, precedentemente imburrato e infarinato.

Pennellate la superficie con poco olio, coprite con pellicola trasparente, disponete in luogo caldo e fate lievitare fino al raggiungimento dei bordi.

Infine infornate a 200° per 30 minuti circa. Quando il pane sarà cotto, sfornate, tirate fuori dallo stampo e mettete su una grata a raffreddare bene.

Il risultato che otterrete con questo impasto sarà sofficissimo, potrete servirlo tagliato a fette accompagnato da affettati, potrete farci dei tramezzini, dei sandwich, oppure tostarlo e farcirlo.

pan-carrè-028

1 Comment

Leave a Response