Spaghetti con le Capesante

spaghetti-capesante-004-550x827

La ricetta di oggi ci sfiora di striscio: se ci guardate bene, tra gli ingredienti non compare nulla di essiccato.

Ma se avete pazienza e arrivate fino in fondo, vedrete che il trucco c’è. Piccino picciò, quasi non lo si vede, ma lo si sente, eccome se lo si sente.

Questo sempre per la solita storia (con cui, ammettetelo, ormai vi abbiamo ampiamente stracciato le scatole) che l’essiccazione concentra tutto quel che di buono un prodotto ha da offrire, inclusi quindi aromi, sapori e profumi. Ci sono volte in cui non è necessario aggiungere chissà che o in chissà quali quantità: un pizzico dell’ingrediente giusto saprà trasformare la vostra ricetta, colorandola e completandola in modi imprevisti, classici o esotici, a seconda del caso.

Vi lasciamo quindi al week end con una proposta che più estiva di così non si può, alla faccia dei traghettatori infernali, dei loro signori e dei labirintici re cretesi.

A noi gli anticiloni ci fanno un baffo! Di pomodoro.

“Buongiorno a tutti, oggi vi propongo uno dei miei cavalli di battaglia, un primo piatto semplicissimo e anche velocissimo, ma sopratutto buonissimo, gli spaghetti con le capesante.

Io adoro il pesce, mi ha accompagnato nella mia gioventù, ricordo ancora quando il pescivendolo passava con il suo carrettino per le vie del paese, e mio nonna si fiondava fuori ad acquistare pesce appena pescato, abitando in un paese di mare, nella mia amata Sicilia, non poteva essere diversamente.

Poi sono cresciuta, sono andata a vivere in Veneto e il mio primo lavoro fu proprio dentro un ristorante di pesce, non potevo che essere a mio agio ^_^

Lì ho imparato moltissimo, su come si pulisce il pesce, ed ho assaggiato e apprezzato moltissime ricette che non avevo mai provato: una di queste era proprio la pasta con le capesante, che goduriaaaaaaaaaaa.

Ingredienti:

  • 500 gr di spaghetti n. 5
  • 1 cestino di pomodorini datterini
  • 1 spicchio di aglio
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • una spruzzata di brandy
  • 1 cucchiaino di zenzero
  • 1 cucchiaino di paprika dolce
  • 200 gr di capesante pulite (peso senza guscio)
  • 3 foglie di basilico
  • 1 cucchiaio di panna (facoltativo)
  • sale e pepe q.b.
  • peperoncino (facoltativo e se non avete bambini)

Preparazione:
In una capiente padella, fate soffriggere l’aglio intero nell’olio e lo fate imbiondire, aggiungete i pomodorini tagliati a pezzettini e sfumate con il brandy a fiamma alta fino a farlo evaporare del tutto, aggiungete le capesante ben pulite e tagliati a metà (però dipende anche da quanto grandi sono), mescolate il tutto e aggiungete lo zenzero e la paprika, salate e pepate, mescolate bene e abbassate la fiamma e fate cucinare, in teoria non serve aggiungere acqua, perche i pomodorini dovrebbero rilasciare il loro sughetto, ma se vedete che si secca aggiungete acqua q.b. magari quella di cottura della pasta.

Aggiungete il cucchiaio di panna, fate saltare, quando le capesante saranno cotte, il vostro sugo e pronto. Se i pomodorini rilasciano molta acqua, il sugo sarà pronto quando si sarà addensato al punto giusto, ma non seccato mi raccomando.

Assaggiate e aggiustate di sale.

Nel frattempo scolate la pasta, mettetela nella padella e fate saltare a fiamma alta. Se il sugo è troppo denso usate un po’ di acqua di cottura della pasta.

Mescolate e amalgamate bene il tutto, aggiungetevi anche il basilico e fate saltare ancora un pò.

Servite subito e decorate con foglie di basilico.

SUGGERIMENTI:
*Aggiungete della polvere di agrumi essiccata (io ho quella fatta con il mio essiccatore) o un pò di scorza grattugiata di arancia o di limone non trattato, sublimeeee ^_^

** variante se avete a cena degli amici e non volete gli spaghetti perché magari possono sporcare gli abiti dei vostri ospiti mettendoli in evidente imbarazzo, sono buonissimi anche gli gnocchetti di patate :)

Leave a Response