Nuovo Biosec con sistema elettronico Dryset Pro

schermata-2012-04-04-a-12-29-1411

Il motore del vostro Biosec diventa finalmente elettronico!
12 programmi per soddisfare tutte le esigenze e rendere l’essiccazione in casa ancora più semplice ed efficace.

Per essere chiari che più chiari non si può, pubblichiamo qui di seguito l’estratto del manuale d’uso che descrive minuziosamente le caratteristiche del nuovo motore Biosec.

CON BIOSEC L’ESSICCAZIONE E’ TUTTA UN PROGRAMMA!

———————————————————————-

“Biosec nasce con un’offerta di programmi completa, semplice ed efficace, adatta ad ogni tipo di utilizzo e di prodotto.
I programmi sono progettati tenendo conto di tutte le variabili in gioco nel processo di essiccazione. In particolare si differenziano per:

– miscela di temperature d’esercizio diverse per diverse porzioni di tempo;
– alternanza di differenti velocità della ventola e momenti di riposo;
durata specifica dei programmi in ore.

Tutti i programmi descritti di seguito riportano la durata in ore (H), quelli contrassegnati dal simbolo MN prevedono inoltre una fase di mantenimento finale che permette di conservare i vostri prodotti al livello di essiccazione ottimale con il minimo consumo di energia. Una volta che il processo di essiccazione sarà completato, quindi, non dovrete correre a confezionare il prodotto prima che si reidrati, perché Biosec lo conserverà per voi fino a quando avrete il tempo di rimuoverlo dai cestelli e procedere alla fase di conservazione finale in vasetti di vetro o in sacchetti per il sottovuoto.

I Programmi:

P1- Automatico:
è il programma più semplice e versatile. Se non sapete come procedere, è la vostra prima volta con un Biosec o semplicemente avete un prodotto così particolare da non rientrare in nessun’altra categoria, selezionate P1: il risultato è garantito! – H: 30h+MN

P2- Funghi e fette sottili:
perfetto per funghi e prodotti da essiccare in fette sottili (4-6mm), come mele, melanzane, kiwi, ananas e buona parte della vostra normale produzione. – H:18h+MN

P3- BioCrudista:
studiato appositamente per coloro che seguono un’alimentazione sana, crudista, che salvaguardi al massimo le qualità organolettiche ed i principi nutritivi dei prodotti trattati. BioCrudista non supera mai i 40° di temperatura dell’aria, rispettando la necessità di attenersi a questo limite, propria di chi sceglie una cucina priva di alimenti cotti. Ricordiamo in ogni caso che la temperatura dell’aria non corrisponde a quella del prodotto vero e proprio, che rimane sempre inferiore di qualche grado.
Ottimo anche per erbe aromatiche ed officinali. – H: indefinito (da fermare al raggiungimento del grado di essiccazione desiderato).

P4- Superhot 68°:
è il programma più caldo, ai limiti della cottura. Se avete fretta di ottenere il prodotto essiccato, selezionate P4 per la massima resa nel minimo tempo. È il programma migliore anche per il trattamento delle carni (la temperatura elevata impedisce la proliferazione dei batteri), mentre per la stessa
ragione non è indicato per alimenti delicati, che potrebbero subire lievi perdite di qualità a causa dell’eccessivo calore. Ottimo anche per la biscottatura finale di alcuni prodotti, che conferisce la tipica consistenza croccante (peperoncini, arance, ecc.). Perfetto infine per le meringhe, la cui realizzazione richiederebbe in forno un processo delicato e abbastanza prolungato: la precisione della temperatura di Biosec eviterà bruciature indesiderate, mentre il vostro forno rimarrà libero per qualunque altro utilizzo. – H: 14h+MN

P5- Pasta:
è un programma realizzato specificamente per il trattamento della pasta fresca. Richiede comunque un occhio di riguardo per verificare il grado di essiccazione desiderato di volta in volta e per ciascun diverso tipo di preparazione. – H: 16h+MN

P6- Economy:
dedicato a chi presta particolare attenzione ad ecologia e portafogli, o a chi ha sempre mille elettrodomestici in funzione: selezionate il programma 7, a tempi di essiccazione lievemente più lunghi corrisponderà un risparmio più che proporzionale. Perfetto anche per campeggi, camper o alberghi, dove la disponibilità di potenza elettrica è limitata: P7 assorbe al massimo 270W. – H: indefinito (da fermare al raggiungimento del grado di essiccazione desiderato).

P7- Silenzioso:
è il programma più adatto alla notte o a tutti coloro che utilizzano Biosec in luoghi di lavoro, per mantenere il rumore al minimo. La velocità della ventola è studiata appositamente per consentire la massima riduzione delle emissioni rumorose, senza perdita di efficacia! Provatelo anche con tutti i prodotti leggeri (zafferano, piccole foglie, ecc.) che con gli altri programmi potrebbero volare via. – H: 48h+MN

———————————————————————-

My way: facciamo a modo nostro
A tutti coloro che desiderano un maggior controllo sulla selezione della temperatura, Biosec offre i programmi da T1 a T5, che garantiscono temperature di esercizio tra i 20° e i 60°.

I programmi da T1 a T5 lavorano in modo intelligente, alternando la temperatura di esercizio a momenti di ventilazione a freddo per garantire il miglior risultato. Non prevedono inoltre limiti di tempo: sarà sempre necessario fermare Biosec al raggiungimento del grado di essiccazione desiderato.

ATTENZIONE: tutti i programmi sono sempre da utilizzare previo controllo preventivo e ciclo di essiccazione di prova.

Verificare sempre l’effettiva essiccazione dei prodotti a fine ciclo. Ogni prodotto può reagire in modo differente per dimensione, grado di acquosità e temperatura/umidità dell’ambiente di lavoro. Qualche prova iniziale con gli alimenti che tratterete più comunemente vi sarà sufficiente a determinarne preparazione, programma e tempistiche perfette.

Controllo della temperatura: Il display luminoso consente in ogni momento di verificare a quale temperatura si stia lavorando, sia che si scelga di utilizzare i Programmi da P1 a P7, sia che si preferisca invece determinare la temperatura in modo autonomo, con i programmi da T1 a T5.

———————————————————————-

IN PRATICA: selezione ed utilizzo del programma desiderato

Inserimento della spina: all’inserimento della spina, Biosec si accenderà automaticamente, disponendosi in modalità stand by, pronto per iniziare il ciclo di essiccazione.

1. Pulsante SET: premere ripetutamente il pulsante SET fino a visualizzare sullo schermo di Biosec il programma che si desidera impostare. Premere ON/OFF per avviare il processo.

2. Schermo: durante il processo di essiccazione, lo schermo di Biosec vi mostrerà alternativamente la temperatura di esercizio rilevata al momento ed il programma attualmente in uso. Per conoscere il programma in uso senza attenderne la visualizzazione automatica, premere il tasto SET.

3. Pulsante ON/OFF: avvia e sospende il ciclo di essiccazione. Per riprendere il processo una volta arrestato, è sufficiente premere ON/OFF una seconda volta. Il programma ripartirà da dove si era interrotto. Se si desidera invece cambiare programma, premere SET fino a visualizzare quello scelto. Quest’operazione azzera il ciclo di essiccazione precedentemente impostato e ne fa iniziare uno nuovo.

L’etichetta elenca tutti i programmi intorno allo schermo: sarà semplicissimo decidere quale programma selezionare e non sarà necessario imparare nulla a memoria. Basta guardare, scegliere e impostare!

———————————————————————-

Modalità Mantenimento Manuale:
con Biosec è sempre possibile attivare la modalità di mantenimento anche per i programmi che non la prevedano o perfino nel corso di un ciclo di essiccazione non ancora terminato. Sarà sufficiente tenere premuto il tasto SET per 5 secondi durante il funzionamento: lo schermo mostrerà il simbolo come in fig.2 e il programma MANTENIMENTO si inserirà restando attivo fino allo spegnimento manuale di Biosec, che potrete operare nel momento in cui sarete pronti a raccogliere e conservare i vostri prodotti.

———————————————————————-

Per concludere…
Ci sono altre variabili che influiscono direttamente sul processo.
Ad esempio, la permeabilità di un frutto ne determina in modo sostanziale la tempistica di essiccazione. Più sarà spessa la buccia, meno rapidamente avremo il prodotto finito. Per aiutarvi ad orientarvi tra tutte queste informazioni, abbiamo preparato un elenco prodotti di rapida consultazione, che vi guiderà nei primi utilizzi del vostro Biosec, fornendovi qualche spunto e poche semplici indicazioni (contenuto nel manuale).
Vi accorgerete da soli che, una volta imparato il principio di base ed acquistata un po’ di familiarità con le tempistiche, l’essiccazione diventerà un vero e proprio gioco da ragazzi.”

Ora non resta che attaccare la spina e iniziare ad affettare!

13 Comments

  1. Salve, vi faccio i complimenti per la versatilità insita nel Dryset pro. Ho appena comprato il biosec domus5. L’uso principale che vorrei farne è l’essiccazione di vari formati di pasta. So già l’enorme difficoltà che incontrerò nell’impostare i parametri di temperatura e umidità, ma credo che il biosec mi darà una grande mano d’aiuto. Ovviamente so che il biosec non può minimamente funzionare da essiccatore professionale, ma per uso casalingo è il meglio che posso trovare in commercio. Per questo vi ringrazio e vi chiedo se potreste descrivermi il programma P5 impostato per la pasta. Grazie anticipatamente e mi scuso per la lunghezza del post

    1. Buongiorno Angelo!
      Ci permettiamo di contraddirla: Biosec è assolutamente adatto ad un utilizzo professionale!
      Abbiamo moltissimi chef stellati e non, che lo fanno lavorare ininterrottamente nelle proprie cucine, per non parlare di gelatai, pasticceri, aziende agricole o che lavorano piccoli quantitativi di erbe aromatiche, polline, tartufo, bacche di goji e chi più ne ha più ne metta. E nell’elenco ci sono anche tanti pastifici. Quello che differenzia Biosec da B.Master (la nostra linea cosiddetta professionale) è la dimensione, il quantitativo di prodotto caricabile nella macchina.

      Per quanto riguarda il P5, come ha correttamente osservato anche lei, si tratta di fare qualche prova (vedrà che in un paio di volte avrà già capito come utilizzare al meglio l’essiccatore) per verificare le tempistiche in relazione ai diversi preparati.

      La particolarità del P5 è la delicatezza di lavorazione: i flussi e gli sbalzi di temperatura sono studiati appositamente per evitare che la pasta si secchi troppo rapidamente o che comunque si crepi in superficie. Se prepara qualcosa di gustoso ce lo mandi! Pubblicheremo le sue creazioni!! 😀

      1. Grazie per la celerità della risposta. Sono convintissimo dell’alto livello e professionalità del biosec come essiccatore (l’ho comprato proprio con questa convinzione). Grazie per le Sue informazioni (era quello che volevo udire), spero di riuscire a dominare il difficile settore dell’essiccazione della pasta grazie al Biosec e al Dryset pro. Buona giornata e buon lavoro

        1. Vedrà che è meno ostico di quanto si possa pensare 😉
          Se poi vorrà condividere con noi specifiche lavorazioni saremo felici di inserirla tra le collaborazioni ed essere utili ad altri che verranno dopo di lei! 😀 Buona essiccazione!!!

  2. Buongiorno,

    Ho appena acquistato l essicatori bio felice. Volevo sapere sapere come poter spegnere l essicatore se voglio far terminare prima un programma ? Dopo la fase di mantenimento si spegne da solo ?

    1. Buongiorno Roberto! La sua domanda ci dà l’occasione per un’importante raccomandazione, che non facciamo mai abbastanza: amici, leggete sempre per bene il manuale d’uso! È veramente importante, anche se può sembrare così facile usare Biosec, perché vi fornisce alcune informazioni fondamentali per non commettere errori, soprattutto le prime volte che lo utilizzate.
      Lo trovate nella scatola o potete anche scaricarlo liberamente a questo link: http://goo.gl/YmqmV7

      Nel caso specifico, come potete leggere a pagina 11, il Mantenimento è una funzione speciale di Biosec che impedisce all’essiccatore di fermarsi a ciclo completo, per evitarvi di correre a ritirare il prodotto pronto. Se l’essiccatore si spegnesse, gli alimenti al suo interno si reidraterebbero e di conseguenza si rovinerebbero. Il mantenimento dunque non si spegne mai, per definizione, finché non siate voi a farlo. Per il resto, ogni volta che per qualunque ragione, avete bisogno di spegnere l’essiccatore (alla fine dei cicli, dopo aver ritirato il prodotto…) basta chiaramente premere il pulsante on/off. La ventola si fermerà dopo alcuni secondi di raffreddamento (in cui la sentirete girare velocemente) e il display lampeggerà. A quel punto siete liberi di staccare la spina. O anche no, lasciate pure l’essiccatore così, pronto per il giro successivo! (cfr. pag. 14).

      Ricordiamo infine che non tutti i programmi prevedono il mantenimento (cfr. tabella pag. 13) ma che potete sempre impostarlo manualmente anche dove non sia previsto (box pag. 16).

  3. Buongiorno, oggi avevo deciso di utilizzare per la prima volta l’essicatore. Proceduto secondo le indicazioni ho scelto il programma t4 e ho premuto il tasto avvio. Per un paio di secondi la macchina ha funzionato, poi si è spento e sul display è apparso E1. Cosa dovrei fare?
    Christiane

    1. Buongiorno Christiane, di solito il codice errore E1 indica “sonda di temperatura non collegata”. Se ci invia il suo indirizzo e-mail possiamo mandarle un documento in allegato in cui sono spiegate alcune semplici istruzioni su come risolvere il piccolo inghippo. Attendiamo la sua e-mail e ci scusiamo per l’inconveniente. Grazie

Leave a Response