La Pasta di Sale

pasta_sale1

Ci avevate mai pensato?

Il vostro essiccatore è perfetto anche per i lavoretti in pasta di sale. Consente un miglior controllo delle basse temperature, aera costantemente il vostro lavoro e lascia libero il forno!

Un nuovo collaboratore, di cui trovate qui il sito internet, ci ha proposto questa lavorazione e noi ve la segnaliamo ben volentieri!

Siamo curiosi di vedere i vostri risultati, mandateci foto e descrizioni: li pubblicheremo qui nel blog e sulla pagina facebook!

RICETTA PER LA PASTA DI SALE (*):

La pasta di sale richiede tre ingredienti fondamentali, acqua, farina e sale noi però aggiungeremo altre sostanze che serviranno a proteggere e a rendere meno fragili i nostri lavori una volta cotti. La pasta di sale ha molti pregi ma anche molti difetti. Il più grave è che soffre molto l’umidità quindi bisogna stare attenti a come si fa cuocere e soprattutto a dove si mette la creazione finita.

Ingredienti per la pasta di sale

  •  1 tazza di farina
  • 1 tazza di sale fino (polverizzato)
  • 1 tazzina di acqua
  • 1 cucchiaino di olio di semi o di vaselina
  • 1 cucchiaino di colla da tappezziere in polvere o colla vinilica
  • acquerelli e supporti per appendere al muro

Preparazione

Come potete vedere la quantità di sale e di farina è la stessa quindi anche se volete farne dosi superiori o molto inferiori l’unica cosa da non dimenticare è questa.
Una cosa importante da tenere a mente è che più il sale è fino più la pasta sarà liscia e quindi bella da vedere dopo, io vi consiglio di usare un vecchio frullatore o un vecchio macina caffè per rendere il sale quanto più simile allo zucchero a velo, fate attenzione però perché il sale tende a far arrugginire le lame quindi usatene uno vecchio oppure lavate immediatamente le lame dopo aver tritato il sale.

In una ciotola mettete la farina e il sale e mescolate con un cucchiaio di legno, poi gradualmente aggiungete l’acqua, la dose che vi ho indicato è una tazzina ma a seconda della farina che utilizzate potrebbe servirne un po’ di più, lavorate fino ad avere un composto morbido, aggiungete l’olio di semi e la colla vinilica serviranno a rendere la pasta più morbida ma anche più resistente.
Mettete l’impasto su una spianatoia e lavoratelo per un po’. A questo punto potete procedere in due modi o colorate la pasta a crudo mischiando un po’ di colore all’impasto oppure fate il vostro lavoro, lo cuocete e lo colorate dopo.

Per colorare il panetto vi consiglio di usare o i colori a tempera o quelli acrilici, impastate insieme fino a che il colore si distribuisca uniformemente, poi ripetete l’operazione per tutti i colori che volete utilizzare, siccome i colori tenderanno a scurirsi fate una prova così saprete come regolarvi. Un’altra alternativa è fare i vostri lavori e colorarli dopo.

Quando i vostri lavoretti saranno pronti metteteli nell’essiccatore selezionando una temperatura di 50 o 60°C e controllate la cottura con uno stecchino, se fate dei lavori particolarmente complessi usate stecchini di legno come gli stuzzicadenti o parti in metallo così non rischierete di vederli crollare.

Se volete colorarli dopo potete usare gli acquerelli che sono certamente i più adatti in questo caso. La pasta rimasta potete avvolgerla nella pellicola trasparente e metterla in frigorifero. Quando i lavori saranno perfettamente asciutti completateli con il flating o qualsiasi altro prodotto protettivo. Se fate oggetti da appendere mettete i supporti a crudo e fateli cuocere in forno così si avrà un tutt’uno con la pasta.

Mantenete i lavori in posti poco umidi e non metteteli mai nel cellophane se non volete ritrovarli ammuffiti! Sbrizzarritevi con la fantasia è fateci sapere com’è andata con questa specialissima pasta da modellare.

(*) fonte ricetta: http://www.pourfemme.it/articolo/come-fare-la-pasta-di-sale/1807/

Leave a Response