Cosa essiccare?

jerkylogo

A volte la domanda ci viene posta candidamente da qualcuno: ma io cosa me ne faccio?

Che, detto in modo più diplomatico, suona più o meno come il titolo di questo post: che cosa essicco io con un marchingegno come questo? Nella mia vita di tutti i giorni, che posto trova un essiccatore? No perché la lavatrice è evidente, il microonde universalmente accettato, non parliamo poi del sacrosanto frigorifero, non c’è bisogno di spiegare come e per cosa utilizzare questi elettrodomestici. Ma un essiccatore?…

Dovrebbe ormai iniziare a risultare chiaro che le tipologie di prodotti da essiccare, oltre ad essere le più svariate, sono destinate ad aumentare e a diversificarsi sempre più, a seconda delle esigenze e della fantasia di ciascuno.

Portiamo qui solo qualche esempio di prodotti che è possibile conservare grazie al sistema di essiccazione ad aria.

  • frutta: mele, pere, banane, fragole, cachi, fichi, prugne, pesche, kiwi, uva, ananas, arance, ecc.
  • ortaggi: pomodori, melanzane, peperoni, peperoncini, zucchine, fagiolini, sedano, spinaci, zucche, ecc.
  • funghi: porcini, chiodini, finferli, ecc.
  • carne e pesce: cavallo, manzo, maiale, lavarello (anche detto coregone), agone, missoltini ecc.
  • pasta: tutti i tipi di pasta fresca
  • erbe aromatiche: rosmarino, basilico, prezzemolo, timo, salvia, menta, erba cipollina, iperico, ecc.
  • fiori: camomilla, rosa, zagara, zafferano, ecc.

…e tutto quello che vi passa per la testa: polline, pasta di sale, meringhe, lavori decorativi, ecc…
Vien da sè che poi ad essiccare ci prendono gusto un po’ tutti.

Sfidiamo i nostri lettori a non trovare una categoria che li comprenda, tra quelle che proponiamo qui sotto. In soldoni e senza troppi giri di parole, l’essiccazione è davvero un affare di tutti, è una scelta che chiunque può abbracciare, non serve avere un orto o un albero da frutto in giardino. Anzi, è per tutti gli altri che l’essiccazione diventa ancor di più una risposta ecologica, sana, biologica, responsabile, economica, semplice e… gustosissima!

Se avete ancora dubbi, provate a leggere la nostra breve lista e già che ci siete proponete anche nuove voci!

  • chi ama i funghi: chiunque ami passeggiare in montagna tra l’estate e l’autunno, per raccogliere le delizie dei boschi;
  • chi coltiva un orto, anche di piccole dimensioni: i prodotti della terra sono quasi sempre sovrabbondanti rispetto alle necessità immediate di una famiglia, e poter gustare i sapori del proprio lavoro anche nelle stagioni fredde è un’occasione da non lasciarsi sfuggire;
  • chi ha un balcone fiorito: fiori, erbe aromatiche e piccole piante da terrazzo trovano  nell’essiccazione un’ottima via di conservazione ed utilizzo;
  • chi possiede un albero da frutto: se avete un caco, un fico o un albicocco in giardino, lo sapete bene. La stagione di maturazione del vostro albero coincide con un periodo di spreco e cattivi odori.Quello che non riuscite a raccogliere e a consumare, o che nessun amico si lascia regalare sotto forma di intere cassette di frutta, finisce inevitabilmentesull’erba delgiardino. Con l’essiccazione, questo problema è risolto, e ci guadagnerete una sana merenda piena di gusto e nutrimento, disponibile tutto l’anno;
  • chi si rilassa con tisane ed infusi: per riscaldare le serate invernali con una tazza bollente di camomilla o preparati di erbe aromatiche efiori, non c’è niente di meglio che ritrovare tutto il sapore del prato in un vasetto di prodotti essiccati con le vostre mani;
  • chi si diverte a creare e sperimentare sempre nuove idee in cucina: tutti gli appassionati di gastronomia, per piacere o per lavoro, scopriranno molto in fretta le possibilitàinaspettate che si aprono avendo a disposizione prodotti essiccati nella propria dispensa. Qualche pomodorino secco conferisce gusto e sapore al pane fatto in casa e all’arrosto, la crostata assume una veste autunnale decisamente nuova e gustosa se guarnita con frutta secca, regalare per Natale sacchettini di delizie da voi essiccate sarà un piacere nuovo edinaspettato;
  • chi predilige prodotti di stagione e a km zero: chiunque preferisca consumare frutta e verdura di stagione, evitando di acquistare a peso d’oro prodotti tipicamente estivi in pieno inverno, dovrà soltanto fare scorta di pomodori, mele, fragole e quant’altro anche al supermercato, essiccare e gustare per tutta la stagione fredda;
  • chi si diletta con piccoli lavori manuali: fiori e frutti essiccati sono ingredienti perfetti per tutti quei capolavori che decorano e abbelliscono le nostre case. Composizioni di fiori e frutti secchi, scatole, contenitori e ciotole lavorate con la tecnica del découpage, sono creazioni che acquisteranno ancor più fascino e valore se, oltre ad essere frutto delle vostre mani, conterranno come ingrediente segreto anche materie prime raccolte ed essiccate direttamente da voi;
  • chi prepara creme e prodotti per la cura del corpo a partire da ingredienti naturali: tutti i componenti essenziali di questo tipo di linee di bellezza e benessere devono mantenersi liberi da conservanti, additivi chimici e sostanze artificiali.

3 Comments

  1. Si possono essiccare cose dopo essere state congelate? Ho dei funghi in congelatore , posso essiccarli? Naturalmente congelati a crudo….

    1. Buongiorno Maurizio, ci può sicuramente provare ma le segnaliamo alcune criticità: i funghi, seppur crudi, una volta decongelati saranno bagnati quindi nell’asciugarli prima dell’essiccazione purtroppo asporterà anche parte delle loro proprietà, contenute e disciolte in quest’acqua. Probabilmente farà un po’ fatica a tagliarli a fettine (qualora fossero stati congelati in pezzi troppo grossi per l’essiccazione) perché saranno un po’ molli, ma tentar non nuoce. L’essiccazione poi potrebbe essere anche più rapida perché il congelamento avrà già spaccato le molecole del prodotto e questo non è proprio un plus ai fini dell’integrità in termini nutrizionali… Ci può provare, ma… forse le conviene tenerli congelati fino a quando non li utilizzerà?! 🙂

Leave a Response