Cosa essiccare? Prodotti e tipologie

prodotti essiccati

Cosa essiccare? Quali tipologie di prodotto possono essere lavorate in un essiccatore?
A volte la domanda ci viene posta candidamente da qualcuno in modo veramente semplice: ma io cosa me ne faccio?
Che cosa essicco con un marchingegno come questo? Nella mia vita di tutti i giorni, che posto trova un essiccatore? No perché la lavatrice è evidente, il microonde universalmente accettato, non parliamo poi del sacrosanto frigorifero, non c’è bisogno di spiegare come e per cosa utilizzare questi elettrodomestici. Ma un essiccatore?…

Dovrebbe ormai iniziare a risultare chiaro che le tipologie di prodotti da essiccare, oltre ad essere le più svariate, sono destinate ad aumentare e a diversificarsi sempre più, a seconda delle esigenze e della fantasia di ciascuno.

Portiamo qui solo qualche esempio di prodotti che è possibile conservare grazie al sistema di essiccazione ad aria.

  • frutta: mele, pere, banane, fragole, cachi, fichi, prugne, pesche, kiwi, uva, ananas, arance, ecc.
  • ortaggi: pomodori, melanzane, peperoni, peperoncini, zucchine, fagiolini, sedano, spinaci, zucche, ecc.
  • funghi: porcini, chiodini, finferli, ecc.
  • carne e pesce: cavallo, manzo, maiale, lavarello (anche detto coregone), agone, missoltini ecc.
  • pasta: tutti i tipi di pasta fresca
  • erbe aromatiche: rosmarino, basilico, prezzemolo, timo, salvia, menta, erba cipollina, iperico, ecc.
  • fiori: camomilla, rosa, zagara, zafferano, ecc.

…e tutto quello che vi passa per la testa: polline, pasta di sale, meringhe, lavori decorativi, ecc…
Vien da sè che poi ad essiccare ci prendono gusto un po’ tutti.

Sfidiamo i nostri lettori a non trovare una categoria che li comprenda, tra quelle che proponiamo qui sotto. In soldoni e senza troppi giri di parole, l’essiccazione è davvero un affare di tutti, è una scelta che chiunque può abbracciare, non serve avere un orto o un albero da frutto in giardino. Anzi, è per tutti gli altri che l’essiccazione diventa ancor di più una risposta ecologica, sana, biologica, responsabile, economica, semplice e… gustosissima!

Se avete ancora dubbi, provate a leggere la nostra breve lista e già che ci siete proponete anche nuove voci!

  • chi ama i funghi: chiunque ami passeggiare in montagna tra l’estate e l’autunno, per raccogliere le delizie dei boschi;
  • chi coltiva un orto, anche di piccole dimensioni: i prodotti della terra sono quasi sempre sovrabbondanti rispetto alle necessità immediate di una famiglia, e poter gustare i sapori del proprio lavoro anche nelle stagioni fredde è un’occasione da non lasciarsi sfuggire;
  • chi ha un balcone fiorito: fiori, erbe aromatiche e piccole piante da terrazzo trovano  nell’essiccazione un’ottima via di conservazione ed utilizzo;
  • chi possiede un albero da frutto: se avete un caco, un fico o un albicocco in giardino, lo sapete bene. La stagione di maturazione del vostro albero coincide con un periodo di spreco e cattivi odori.Quello che non riuscite a raccogliere e a consumare, o che nessun amico si lascia regalare sotto forma di intere cassette di frutta, finisce inevitabilmente sull’erba del giardino. Con l’essiccazione, questo problema è risolto, e ci guadagnerete una sana merenda piena di gusto e nutrimento, disponibile tutto l’anno;
  • chi si rilassa con tisane ed infusi: per riscaldare le serate invernali con una tazza bollente di camomilla o preparati di erbe aromatiche efiori, non c’è niente di meglio che ritrovare tutto il sapore del prato in un vasetto di prodotti essiccati con le vostre mani;
  • chi fa sport: barrette e integratori energetici sono più buoni, sani e controllati se decidete voi con cosa prepararli. Leggeri e compatti, sono facili da portare in giro per chi corre a piedi o in bici o chi scala le vette dei monti;
  • chi si diverte a creare e sperimentare sempre nuove idee in cucina: tutti gli appassionati di gastronomia, per piacere o per lavoro, scopriranno molto in fretta le possibilità impreviste che si aprono avendo a disposizione prodotti essiccati nella propria dispensa. Qualche pomodorino secco conferisce gusto e sapore al pane fatto in casa e all’arrosto, la crostata assume una veste autunnale decisamente nuova e gustosa se guarnita con frutta secca, regalare per Natale sacchettini di delizie da voi essiccate sarà un piacere nuovo ed inaspettato;
  • chi predilige prodotti di stagione e a km zero: chiunque preferisca consumare frutta e verdura di stagione, evitando di acquistare a peso d’oro prodotti tipicamente estivi in pieno inverno, dovrà soltanto fare scorta di pomodori, mele, fragole e quant’altro anche al supermercato, essiccare e gustare per tutta la stagione fredda;
  • chi si diletta con piccoli lavori manuali: fiori e frutti essiccati sono ingredienti perfetti per tutti quei capolavori che decorano e abbelliscono le nostre case. Composizioni di fiori e frutti secchi, scatole, contenitori e ciotole lavorate con la tecnica del découpage, sono creazioni che acquisteranno ancor più fascino e valore se, oltre ad essere frutto delle vostre mani, conterranno come ingrediente segreto anche materie prime raccolte ed essiccate direttamente da voi;
  • chi prepara creme e prodotti per la cura del corpo a partire da ingredienti naturali: tutti i componenti essenziali di questo tipo di linee di bellezza e benessere devono mantenersi liberi da conservanti, additivi chimici e sostanze artificiali;
  • chi sceglie un’alimentazione crudista: con un essiccatore create cracker, polpette, pane, ma riscaldate anche zuppe e piatti di ogni genere, con la tranquillità di non sfiorare mai la cottura;
  • chi vuole il meglio per i propri amici a quattro zampe: snack e piccoli premi golosi sono realizzabili in tutta sicurezza con un essiccatore e qualche semplice istruzione. Mai più prodotti industriali di dubbia origine.

9 Comments Hide Comments

Si possono essiccare cose dopo essere state congelate? Ho dei funghi in congelatore , posso essiccarli? Naturalmente congelati a crudo….

Buongiorno Maurizio, ci può sicuramente provare ma le segnaliamo alcune criticità: i funghi, seppur crudi, una volta decongelati saranno bagnati quindi nell’asciugarli prima dell’essiccazione purtroppo asporterà anche parte delle loro proprietà, contenute e disciolte in quest’acqua. Probabilmente farà un po’ fatica a tagliarli a fettine (qualora fossero stati congelati in pezzi troppo grossi per l’essiccazione) perché saranno un po’ molli, ma tentar non nuoce. L’essiccazione poi potrebbe essere anche più rapida perché il congelamento avrà già spaccato le molecole del prodotto e questo non è proprio un plus ai fini dell’integrità in termini nutrizionali… Ci può provare, ma… forse le conviene tenerli congelati fino a quando non li utilizzerà?! 🙂

Buongiorno Michela, sì certo, è possibile. Nella nostra community Gente che essicca https://www.facebook.com/groups/129885180910211/ molti membri hanno essiccato sughi e condimenti! Il consiglio è di non metterci molto olio, perché nel tempo della conservazione potrebbe irrancidire. Magari meglio aggiungerlo poi a crudo, quando il prodotto verrà utilizzato! Buona essiccazione!

Buongiorno,
scusate la domanda che potrà sembrare sciocca, ma sono davvero in crisi.
Poichè i tempi di essicazione sono sempre lunghi, ovviamente non è possibile essere sempre presenti.
Mi chiedevo se, per non lasciare l’essicatore acceso senza nessuno in casa, ci fosse il modo di interrompere e riprendere l’essicazione o se si rovina tutto.
Grazie

Buongiorno Monica! Eh sì, i tempi di essiccazione sono lunghi proprio perché replicano l’essiccazione naturale, che estrae lentamente l’acqua dai prodotti, lasciando così inalterate le proprietà del cibo. I nostri essiccatori sono stati progettati proprio per restare accesi molte ore, tutte quelle necessarie a completare il processo, senza alcun pericolo, né per l’elettrodomestico né per i prodotti in esso contenuti. Puoi essiccare in tutta tranquillità anche se sei fuori casa, oppure di notte, per avere poi il prodotto pronto a mattina! Buona essiccazione 😉

Buongiorno, sono nuova nell’essiccazione ho appena preso un biosec e curiosando ho visto un ricetta dove parlava di polvere di peperoni al forno…
Chiedo aiuto a voi . Cuocio i peperoni al forno, li pelo, tolgo i semi e li metto nell’essiccatore per quanto tempo e che programma?
Una volta essiccati li trito subito e li chiudo in un vasetto o devo ripassarli nell’essiccatore?
Grazie mille Paola

Buongiorno, puoi provare a farli sia da cotti che da crudi. Come programma il P1 può andare bene, sul tempo lasciagli fare il ciclo completo ma ogni tanto controlla, così da capire come procede l’essiccazione! Per aiutarti a capire quando sarà perfettamente essiccato, ti consigliamo la lettura dii questo nostro articolo http://www.essiccare.com/2018/05/03/come-si-fa-a-capire-quando-un-prodotto-e-perfettamente-essiccato/! Buoni esperimenti 🙂

Add Your Comment